Aniba canelilla, il rimedio naturale dell’Amazzonia contro la frigidità femminile

 

Nativa della foresta amazzonica, la Aniba canelilla è un arbusto perenne con corteccia e fiori di colore giallo rossastro.

L’olio essenziale estratto per distillazione del vapore del suo legno, oltre a possedere un piacevole aroma speziato, è stato utilizzato per contrastare vari disturbi come acne, raffreddore, tosse, dermatite, mal di testa, tensione nervosa ma soprattutto frigidità femminile.

Tradizionalmente impiegato soprattutto in sud America e nelle foreste pluviali, la Aniba canelilla ha da sempre rappresentato un potente afrodisiaco per ridurre la frigidità, grazie alle sostanze in essa contenute ed è stata anticamente prescritta dagli sciamani nativi e dai guaritori popolari per l’efficacia dei suoi effetti sulla libido della donne.

Canelilla significa piccola cannella, riferendosi all’aroma particolare delle sue radici che spesso venivano impiegato in infusione e decotti come rimedio naturale risolutivo contro il problema della frigidità.

Studi documentati ne hanno evidenziato non solo la proprietà afrodisiaca ma anche quella fortemente battericida, stimolante dell’organismo e analgesica.

Per molti decenni gli ambientalisti si sono battuti contro le misure di deforestazione che si verificano nelle foreste pluviali del mondo che includono la distruzione di molti di questi alberi di Aniba canelilla la cui sparizione potrebbe rivelarsi molto dannosa per l’ecosistema.

Secondo i ricercatori biologici solo l’1% delle piante delle foreste pluviali è stato correttamente studiato per le sue proprietà medicinali e l’Aniba appartiene a una lista di rimedi naturali scientificamente accertati come efficaci pur sotto una corretta assistenza sanitaria.

In particolare tra il vasto numero di erbe ed estratti vegetali risultati eccellenti stimolatori della sessualità, gli esperti segnalano che la Aniba canelilla è risultata particolarmente efficace per contrastare la disfunzione sessuale provocata dai farmaci SSRI, antidepressivi che aumentando i livelli di serotonina, riducono drasticamente il piacere sessuale, la funzione erettile e la libido.

Non esistono ancora sufficienti dati per determinare eventuali effetti collaterali della Aniba canelilla, che ancora oggi nelle zone del sud America viene ampiamente utilizzata come rimedio comune tra la popolazione.

#ConteMascetti

www.erbediaphrodite.com

Share This