image-11-10-16-07-14

Oggi ero a pranzo in un ristorante assieme al Conte Mascetti, in tavola avevamo dei crostini fritti da mangiare come stuzzichini in attesa di ordinare, lui me li ha offerti ma io ho rifiutato perché cerco di evitare il più possibile i cibi fritti, sia perché contengono molte calorie che per molti altri motivi…

Il Conte mi ha chiesto di approfondire i motivi scientifici per cui è meglio evitare di abusare di cibi fritti e perché il fritto fa male…

Il motivo più banale è che il fritto contiene molte calorie (100g di patate = 80 Kcal ; 100g di patate fritte = 312 Kcal) quindi mangiando tanto fritto si assumono un gran numero di calorie che difficilmente riusciamo a bruciare nell’arco della giornata e di conseguenza ci fanno ingrassare.

Intanto dobbiamo considerare che l’olio cotto è sottoposto a temperature medio basse, l’olio fritto raggiunge temperature molto elevate, anche sopra ai 200°C.

Quando l’olio è bollente, ad un certo punto inizia a fare fumo, quel momento si chiama “punto di fumo” dovel’olio inizia a produrre una sostanza che si Chiama Acroleina, molto tossica per il fegato e non solo. Portando l’olio ad alte temperature,inoltre, le componenti dell’olio vengono fortemente degradate (perossidazione lipidica) per cui andiamo ad ingerire composti ossidati e ossidanti che aumentano la produzione di radicali liberi nel nostro organismo con tutti i danni conseguenti.

Ogni tipo di olio ha il suo punto di fumo, gli oli migliori da utilizzare in frittura sono quello di oliva e quello di arachidi perche’́ maggiormente “resistenti” alle alte temperature .

Quando si frigge è molto importante controllare il grado di cottura dei cibi, perchè nelle parti bruciacchiate o scure si trova l’acrilamide, una sostanza cancerogena.

Se l’olio è alla temperatura giusta si produce una “crosticina” che protegge il cibo dalla penetrazione dei grassi all’interno di esso, se la temperatura non è costante e diminuisce eccessivamente questa crosticina si rompe e il cibo inizia a impregnarsi d’olio.

Limitare il consumo di fritto è una questione salutistica ma è chiaro che influisca anche sul dimagrimento: se vuoi dimagrire mangiando fritto tutti i giorni sarà ben difficile !!!

E’ anche vero che dovunque andiamo siamo circondati da cibo spazzatura, trovare un locale dove non si mangi della merda è un vero e proprio lavoro, e alla base di questo lavoro deve esserci la consapevolezza.

Senza consapevolezza siamo un gregge di pecore allo sbando che per pigrizia,moda o per ignoranza mangiano continuamente porcate e i risultati li vediamo nelle nuove generazioni , dove ragazzini e ragazzine di 15 o 16 anni sono obesi e sformati, proprio quando dovrebbero essere nel fiore della loro giovinezza.

Se devo incazzarmi con qualcuno i primi sono proprio i genitori che lasciano i loro figli allo sbando e non si rendono conto che la loro indifferenza e la loro mancanza di attenzione a cose molto importanti per la crescita di un figlio, segneranno oltre che la loro giovinezza anche il loro futuro in età adulta.

Probabilmente molti genitori non lo fanno nemmeno con cattiveria, sono abituati anche loro così e di conseguenza trasferiscono al figlio il loro stile di vita sbagliato e si torna al discorso dell ’ignoranza.

Questo personalmente mi fa molta tristezza, sempre meno ragazzi praticano sport, questo “livellamento” fisico e spirituale è una caratteristica della nostra societa’̀ contemporanea, ma con un minimo di autostima e di forza di volontà possiamo fare la differenza e uscire dal gregge…

#Bernardo

#ConteMascetti

www.erbediaphrodite.com

 

Share This